• en
  • it

Methodos partner di Fiat per comunicare il nuovo contratto

Methodos Master, 08/04/2013, in Esperienze Methodos
0
1

Kit per FiatUn contratto articolato e importante e strumenti di comunicazione strutturati e completi per raccontarlo. È l’iniziativa di comunicazione che Methodos ha realizzato per Fiat e Fiat Industrial per illustrare a capi, impiegati e operai il nuovo contratto Fiat attivo dal 1 gennaio 2012. La scelta del titolo dell’iniziativa è indicativa dell’obiettivo strategico: “Il coraggio di cambiare. Insieme” e gli strumenti proposti sono molto concreti.

Un kit multimediale per i 6.800 capi contiene un video, un booklet informativo, un breve pieghevole, un vademecum sulla nuova busta paga, una proposta di domande e risposte frequenti, una guida per gestire riunioni sul nuovo contratto. Dal kit si rimanda a un numero verde e a un sito dedicato sulla intranet aziendale.

Distribuito a tutti i 90.000 dipendenti degli stabilimenti è il pieghevole e, sempre in tutti gli stabilimenti, sono stati affissi poster per descrivere “Le novità del nuovo contratto”.

“La leadership è al centro della implementazione di nuove strategie – spiega Filippo Muzi Falconi, amministratore delegato di Methodos – e in questo i capi hanno un ruolo essenziale, in particolare se consideriamo i capi di linea, snodo operativo all’interno di una fabbrica.

Già l’esperienza di Pomigliano ha dimostrato come l’espressione della leadership dei capi può guidare una profonda trasformazione del modo di lavorare e rendere competitiva un’organizzazione. L’obiettivo di questa iniziativa di comunicazione interna è l’allineamento tempestivo di tutta la popolazione e il supporto ai capi con gli strumenti necessari per esercitare la propria leadership.

Il kit contiene, quindi, gli strumenti necessari per sostenere i capi nel loro ruolo di punto di confronto, feedback e riferimento per comprendere le novità del nuovo contratto. Va sottolineato infatti che non è il contratto da solo a rendere competitiva la fabbrica, ma il modo in cui capi, collaboratori e rappresentanze sindacali” sapranno interpretarlo e metterlo in pratica.

0 Commenti

Invia un commento

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*